Articoli

COS’è L’Industrial IoT?

Per comprendere cosa sia l’Industrial IoT (solitamente abbreviato con IIoT) è necessario fare un passo “indietro” e raccontare innanzitutto, e in estrema sintesi, cosa intendiamo quando parliamo di Internet of Things.

Kevin Ashton, ricercatore del MIT di Boston ha descritto l’Internet of Things come quell’insieme di tecnologie che permette di controllare, monitorare e trasferire informazioni collegando un dispositivo ad Internet.

L’Industrial Internet of Things è quindi una verticalizzazione del concetto di IoT, focalizzata sull’ecosistema industriale e abilitata da tecnologie come cyber-security, cloud e edge computing, analisi di big-data, intelligenza artificiale e machine learning.

MERCATO DELL’ IIOT

Secondo un report elaborato da IndustryARC, il mercato dell’Industrial IoT raggiungerà i 124 miliardi di dollari  entro il 2021 e dovrebbe superare i 771 miliardi di dollari entro il 2026. Il CAGR (tasso annuo di crescita composto), nel periodo di previsione 2018-2026, viene invece stimato al 24,3%.

La chiave di questa crescita risiede nel fatto che dati ottenuti in ​​tempo reale non solo consentono una migliore gestione del processo produttivo, ma anche un miglior governo di tutti gli asset aziendali, offrendo un quadro chiaro e immediato dell’andamento dell’impresa in tutti i suoi ambiti.

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA IIOT

L’ordinaria struttura di un sistema IIoT è un’architettura modulare articolata in 4 livelli :

  1. livello del dispositivo: è la componente fisica del sistema IIoT: hardware, macchine e sensori;
  2. livello di rete: è costituito da protocolli di comunicazione, cloud computing e reti wifi che raccolgono i dati e li trasferiscono al livello successivo;
  3. livello di servizio:  si compone di applicazioni e software funzionali all’analisi e alla trasformazione dei dati in informazioni che possono essere visualizzate sulla dashboard del driver;
  4. livello di contenuto: è l’ultimo strato dello stack ed è formato dai dispositivi di interfaccia utente;

VANTAGGI DELL’ IOT INDUSTRIALE

L’ampia disponibilità di dati rilevati rende possibile monitorare e manutenere (anche in maniera predittiva) infrastrutture strategiche, utilizzando l’IA e il machine learning per generare stime e previsioni sui possibili rischi e suggerendo misure da adottare prima che si verifichino guasti.

Ad esempio nel settore delle infrastrutture, i sensori IoT e gli algoritmi predittivi potrebbero consentire un continuo monitoraggio:

  • di tunnel: per valutarne le deformazioni e la convergenza;
  • di ponti: per controllarne le inclinazioni e le misure di deflessione; 
  • di costruzioni: per misurare le deformazioni statiche sugli edifici e verificarne l’integrità strutturale;
  • del sistema fognario: per valutare la velocità e il flusso delle onde;

Il risultato di progetti basati sull’Industrial IoT si concretizza nella riduzione dei costi energetici e di manutenzione, oltre che nel miglioramento generale della produttività aziendale e della qualità del lavoro. 

CRITICITÀ DELL’IIOT

  • Cyber security: le misure di sicurezza informatica esistenti per i dispositivi IoT sono di gran lunga inferiori, e i rischi talvolta sottovalutati, rispetto alle misure esistenti per computer e device più tradizionali. Il rischio di connettere alla rete un dispositivo è quindi quello di renderlo un potenziale bersaglio di un attacco informatico.
  • Mancanza di standardizzazione nei protocolli di comunicazione:  i protocolli di comunicazione industriale sono la conditio sine qua non per l’interconnessione e lo scambio dati tra un macchinario e un software. Nella maggior parte delle aziende l’hardware è estremamente variegato per età, produttore e tecnologia impiegata. Tale eterogeneità richiede spesso l’utilizzo di protocolli di comunicazione diversi rendendo quindi l’operazione di interconnessione complessa e costosa.

Queste criticità non devono però scoraggiare gli investimenti in progetti IIoT. I benefici apportati nel lungo termine sono estremamente superiori agli sforzi, in termini di risorse umane ed economiche, occorrenti nel breve termine.

IIOT IN GREENVULCANO

Ben prima che l’IoT diventasse un trend di ricerca, GreenVulcano già sviluppava una sua soluzione da proporre ai clienti.

Leader sul mercato dell’integrazione grazie ad un’esperienza di oltre 10 anni, ha recentemente messo sul mercato la propria piattaforma IoT: Sibyl. Si tratta di un servizio cloud (ma utilizzabile anche on premise), plug and play, dedicato alla gestione, al controllo da remoto e alla manutenzione predittiva di sistemi infrastrutturali complessi.

Scopri quale potrebbe essere la soluzione giusta per le esigenze della tua azienda e non esitare a scriverci per approfondimenti.

Per saperne di più sulla soluzione IoT di GreenVulcano visita il sito ufficiale e non perdere l’uscita del prossimo articolo.

Al giorno d’oggi i clienti dispongono di una vastissima gamma di strumenti informatici. Questa grande varietà di sistemi, incrementata dal continuo sviluppo di software sempre più innovativi, rende estremamente difficoltoso il processo di sincronizzazione di dati provenienti da applicazioni diverse fra loro.

SYSTEM INTEGRATION

In questa ottica è assolutamente opportuno lavorare all’integrazione dei sistemi. La system integration permette a vari sistemi IT e applicazioni software di funzionare come una struttura unificata, coordinata e cooperante.

Tale integrazione porta diversi vantaggi sia al cliente che all’impresa: un flusso di informazioni migliorato, un aumento della qualità del prodotto e delle prestazioni complessive dell’azienda. Insieme, questi benefici consentono anche di ridurre i costi e migliorare l’efficienza aziendale.

INTEGRAZIONE POINT-TO-POINT

Nel tentativo di ripercorrere progressivamente, in termini concettuali e pratici, il processo evolutivo della system integration, la prima tappa di questo percorso, in ordine cronologico, coincide con il modello conosciuto come point-to-point.

È un’integrazione che vede coinvolti solamente due sistemi. Trattandosi quindi di un’integrazione piuttosto snella non garantisce grande efficacia se applicata in un modello aziendale articolato.

STAR INTEGRATION

La Star Integration è la naturale evoluzione del modello precedente: ogni sistema è integrato con gli altri attraverso connessioni point-to-point.

 Le criticità dell’integrazione precedente non sono risolte, portando al risultato, all’aumentare degli elementi coinvolti, di un’integrazione sempre più caotica. Non a caso questa tipologia di integrazione viene definita anche “spaghetti integration”.


VERTICAL INTEGRATION

Il modello che, parzialmente, risolve le problematiche delle due precedenti integrazioni è la vertical integration. Nell’integrazione verticale i sistemi vengono messi in comunicazione in base alla loro funzionalità, creando entità chiamate silos. Nel caso in cui si dovesse inserire una nuova funzionalità  sarà però necessario creare un nuovo silo. Questa strategia può essere adatta ad aziende con infrastrutture verticali complesse.

ENTERPRISE SERVICE BUS (ESB)

L’integrazione che forse meglio esprime realmente il concetto di System integration è l’integrazione orizzontale, in cui un layer viene utilizzato come interfaccia comune tra tutte le altre componenti. Questo layer altro non è che un’architettura ESB. Il termine Enterprise Service Bus è stato coniato da Gartner nel 2002.

In ogni realtà aziendale esistono una pluralità di sistemi e servizi, ciascuno con la sua utilità. Ma se ogni servizio dovesse essere integrato di volta in volta con tutti i nuovi servizi utilizzati in azienda, quante integrazioni dovremmo creare? E il relativo costo sarebbe sostenibile dall’azienda?

Un software ESB offre l’enorme vantaggio di fornire un’integrazione unica verso ogni sistema. L’ESB è in grado di integrare al suo interno sistemi eterogenei, connettendo tra loro tecnologie composite e fornendo costantemente servizi di coordinamento, sicurezza di accesso, messaggistica, routing intelligente e fungendo da dorsale del computer attraverso il quale tutti i servizi software e le componenti delle applicazioni possono viaggiare.

MODALITÀ D’INSTALLAZIONE DI ESB

L’ESB è installabile attraverso tre differenti modalità

  1. on-premise
  2. cloud
  3. hybrid-cloud.

ON-PREMISE

La soluzione on-premise garantisce un controllo esclusivo su sistemi e dati e una gestione interna di dati sensibili e core. È una soluzione da preferire nel caso in cui la gestione diretta dei dati sia fondamentale per policy aziendali e nel caso in cui sia necessario che l’organizzazione venga localizzata geograficamente.

CLOUD

La soluzione cloud assicura scalabilità, affidabilità e soprattutto l’erogazione del servizio in tempi rapidi. Infatti con l’accesso in mobilità è possibile connettersi ai dati in qualsiasi momento, attraverso qualsiasi device. Per quanto riguarda la sicurezza del sistema, i dati e le reti vengono protetti con servizi presidiati sempre da backup oltre che da appositi protocolli di sicurezza a tutela dell’integrità e riservatezza dei dati.

HYBRID-CLOUD

Tuttavia la memorizzazione dei dati sensibili nel cloud è spesso motivo di preoccupazione per le aziende. Un’ottima soluzione a queste difficoltà è offerta dall’integrazione hybrid; i dati sensibili rimangono in sede, mentre i dati non-sensibili possono rimanere nel cloud, offrendo alle aziende l’opportunità di segregare e tracciare i movimenti. Sono le aziende quindi a decidere quali dati archiviare nel cloud e quali in locale.

ESB: AN OLD NEW INTEGRATION

Nonostante questa distinzione, è necessario precisare che originariamente l’ESB trovava applicazione solo in locale. La naturale conseguenza, incrementata dall’ impellente necessità di integrare applicazioni e dati on-premise con applicazioni e dati cloud, è stata l’identificazione dell’ESB come un software superato che dovesse lasciare il passo a soluzioni iPaaS (Integration Platform as a Service). Tuttavia un buon software è programmato per rispondere alle necessità di aggiornamento e rinnovamento e così si è arrivati allo sviluppo di software, come l’ESB open source GreenVulcano, estremamente leggeri che supportano le API e piattaforme di integrazione che si collegano ai sistemi legacy. 

Lo sviluppo di software che valicano l’approccio tradizionale dell’architettura SOA, interpretando in modo innovativo l’integrazione delle applicazioni aziendali (EAI), ha dato nuova linfa vitale ad un software erroneamente definito obsoleto.

L’ESB (2.0) è in grado di soddisfare le esigenze odierne di elevata flessibilità, mantenendo comunque l’affidabilità dei sistemi tradizionali. In quest’ottica, il futuro dell’ESB sembra essere positivamente roseo. 

ASK US FOR MORE INFORMATION!