In GreenVulcano siamo dei consulenti a tutto tondo! Una delle nostre aree di business è dedicata allo sviluppo di progetti in consulenza per grandi società. Seguiamo, infatti, diversi progetti che prendono forma grazie alle diverse figure coinvolte: Scrum Master, programmatori full-stack, programmatori lato database, sviluppatori lato client. Ogni cliente ha le sue specificità ed esigenze che siamo pronti ad assolvere.

Leggiamo cosa ci raccontano Vincenzo Napolitano e Giorgio Demetrio Valboa, entrambi developer per una delle più grandi società di consulenza.

Vincenzo, di cosa ti occupi?

Mi occupo di sviluppo Web, in modo particolare della parte client e non solo. Nell’ultimo periodo ho utilizzato principalmente il framework Angular (2+) e tecnologie legate alle PWA (Progressive Web App), in combinazione con Spring per l’implementazione di API REST.

E tu Demetrio?

Attualmente sono impegnato su progetti di ETL per un noto colosso delle TELCO. Sinteticamente, mi occupo di elaborazione di informazioni presenti su database tramite lo sviluppo di codici PL/SQL e flussi ODI.

Come è cominciata questa tua “avventura lavorativa” in GreenVulcano?

Vincenzo: Circa 7 anni fa, dopo un corso di formazione si è presentata l’occasione di fare un colloquio e mi è stata offerta la possibilità di entrare in GreenVulcano. Qui ha avuto inizio la mia avventura. Dopo qualche anno trascorso su progetti interni sono entrato come consulente presso Accenture. 

Demetrio: La mia avventura è iniziata 8 anni fa nel Gruppo GreenVulcano, grazie ad una email nella quale veniva manifestato interesse per il mio CV. Dopo un anno circa di formazione e progetti interni, anche io entrai nel team di consulenza presso Accenture, dove tutt’ora mi trovo.

Cosa serve, secondo te, per fare questo lavoro?

Vincenzo: Indubbiamente tanta passione e voglia di apprendere cose nuove per migliorarsi sempre di più.

Demetrio: Innanzitutto serve passione per la tecnologia. Lo spirito di gruppo è fondamentale (difficilmente ci si trova a lavorare in solitaria). E poi…non possono mancare: l’apertura al confronto e una buona dose di calma, pazienza e spirito di sacrificio che talvolta può essere indispensabile.

Che cosa ti motiva ogni giorno nel tuo lavoro come consulente?

Vincenzo: Contribuire alla creazione di un progetto, in collaborazione con tutto il team di sviluppo per il raggiungimento dell’obiettivo finale. 

Demetrio:  Sicuramente la passione per ciò che faccio. Portare a termine un requisito che mi viene commissionato equivale a superare una sfida. E il non arrendermi di fronte alle sfide è una cosa che ha caratterizzato anche il mio percorso universitario. Sono uno sviluppatore e come tale mi piace vedere che le cose che sviluppo funzionino.

La tua esperienza come consulente Accenture.

Demetrio: Ho avuto la fortuna di capitare in un gruppo nel quale mi sono trovato bene sin da subito. In questi anni passati in Accenture, oltre ovviamente ad imparare tecnologie nuove, ho acquisito soprattutto esperienza nel trattare con il cliente. In questo mio percorso l’azienda non mi ha mai fatto mancare il suo supporto, sempre pronta ad ascoltare le mie richieste e a farmi sentire importante. Non sarò mai grato abbastanza al Gruppo GreenVulcano per avermi dato fiducia.

Che consiglio daresti a chi vuole intraprendere questo “percorso”?

Vincenzo: Come consulente Accenture? di non temere un ambiente che potrebbe sembrare troppo burocratico. Una volta compresi i meccanismi, si inizierà ad apprezzare l’organizzazione. È da considerare come un’opportunità per conoscere meglio altri aspetti del nostro lavoro e, anche, per ampliare la propria rete di contatti.

Demetrio: Di essere umili, modesti, sempre predisposti e pronti ad imparare dagli altri. Pensare che colui/colei con cui ci confrontiamo possano saperne più e meglio di noi. La presunzione e l’essere “capa tosta” inevitabilmente porteranno a commettere errori.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.