È passato oltre un decennio da quando il termine Internet of Things è stato coniato per la prima volta da Kevin Ashton. Da allora, si è diffuso interessando  un gruppo sempre più fitto e diversificato di industrie. Questo perché è indubbio che in molti modi rende più efficiente la nostra vita di tutti i giorni, colmando il divario tra oggetti fisici e l’uomo con la raccolta e la condivisione di dati su Internet.

Questa tecnologia ha spianato la strada affinché gli oggetti interagiscano prima tra di loro senza la necessità di una gestione da parte delle persone. Le decisioni vengono prese in tempo reale, supportate dai dati, istantaneamente per aiutare a rilevare eventuali cambiamenti nell’ambiente circostante.

Le potenzialità di questo settore all’interno delle città urbane sono sempre più evidenti e ci sono molte realtà pronte ad investire in questo tipo di innovazione. Nonostante i tanti dibattiti sulle potenziali ricadute che questa nuova era tecnologica potrebbe portare, una cosa è certa: le nuove tecnologie stanno abilitando nuove opportunità in aree che non avremmo mai immaginato solo pochi anni fa.

La ricaduta delle nuove tecnologie si può notare soprattutto nei paesi in via di sviluppo, dove si stanno migliorando sia i processi esistenti che rendendo più efficienti quei settori che necessitano di nuove soluzioni per problemi vecchi e tipici del luogo.

I paesi in via di sviluppo hanno sempre affrontato sfide legate alla distribuzione dell’acqua e al miglioramento delle condizioni sanitarie. Le tecnologie IoT hanno creato una metodologia con che ha permesso a diversi paesi di affrontare questo problema in modi innovativi.

La startup CityTaps ha iniziato un esperimento a Niamey, in Nigeria, in collaborazione con l’azienda idrica locale, per mantenere, operare e gestire la lettura dei barometri con una riduzione dei costi e diminuzione delle necessità di manutenzione.

La soluzione proposta da CityTaps è incentrata su partnership selettive con le utility e sulla creazione di un network di sensori IoT supportati da una rete a bassa potenza che consente al sistema di creare pagamenti e rilevare malfunzionamenti in tempo reale. Sfruttando i dati provenienti dai sensori, possono essere rilevate le misurazioni precise e quindi prestazioni più accurate.

Il consumatore pre-paga i servizi idrici ovunque sia, attraverso un dispositivo mobile, sfruttando la maggiore diffusione dei cellulari rispetto ai computer.

In India, la startup SmarterHomes lavora nel campo del consumo dell’acqua con i sistemi di monitoraggio domestico. In risposta a una crisi idrica del 2014 a Bengaluru e in seguito alla crescita della popolazione, la divisione IoT di IBM ha collaborato con il Bangalore Water Supply and Sewerage Board nella creazione di un centro di comando in cui sono in grado di monitorare il flusso e la pressione dell’acqua e attraverso l’IBM Intelligent Water Software mandare allarmi ai responsabili su eventuali discrepanze nel sistema.

L’assistenza sanitaria nei paesi in via di sviluppo è un altro settore che l’IoT sta innovando. La tecnologia Nexleaf portato valore nello stato di salute generale rendendo le condizioni per le vaccinazioni migliori. Usando un sistema di monitoraggio remoto della temperatura chiamato Cold trace vengono inviate la temperatura di archiviazione e lo stato di alimentazione elettrica al personale tramite SMS ogni volta che si verificano cambiamenti nell’ambiente. I sensori IoT in questi contenitori monitorano costantemente la temperatura, l’umidità e la luce.

L’IoT è anche un mezzo per sviluppare tattiche di risposta alle emergenze quando le catastrofi colpiscono queste regioni; dove le infrastrutture carenti e l’alta densità di popolazione giocano un ruolo significativo nel modo in cui gli effetti si manifestano.

Un esempio è il Messico dove si  utilizza un sistema di allerta precoce chiamato SkyAlert che rileva l’attività sismica 120 secondi prima dell’impatto in base alla distanza dell’epicentro. Fornendo così maggiori opportunità alle persone di rifugiarsi prima che il terremoto colpisca.

Il Brasile ha lanciato nel 2010 un primo centro di intelligence all’avanguardia nel suo genere, in risposta alle frane che si sono verificate in primavera. I sensori di movimento generano feed di dati sul traffico, meteo, polizia e servizi medici in tempo reale. Una volta che i dati sono stati generati, i problemi anticipati vengono rilevati e le difese vengono posizionate. Se emergono potenziali emergenze, i cittadini vengono allertati tramite sms e altre piattaforme multimediali. Quelli maggiormente a rischio, in aree più pericolose, ricevono addirittura una chiamata  per le istruzioni di evacuazione.

I paesi in via di sviluppo stanno vivendo un nuovo progresso tecnologico ed è indubbio il contributo fornito dall’IoT. Chissà, forse l’Internet of Things sarà una possibile soluzione per velocizzare i processi necessari a questi paesi per superare le loro difficoltà.

Per ulteriori informazioni, si prega di visitare il link sottostante per visitare la guida del Forum economico mondiale per costruire una società più sostenibile utilizzando l’Internet delle cose.

http://www3.weforum.org/docs/IoTGuidelinesforSustainability.pdf


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *